La seconda via
LA SECONDA VIA

Info

Il primo film sulla ritirata di Russia, diretto da A. Garilli, giovane regista valeggiano d’adozione

Teatro Smeraldo, ore 20.30

Venerdì 3 e Sabato 4 Febbraio
La seconda via, un film di Alessandro Garilli

La seconda via è il primo film sulla ritirata di Russia, combattuta dagli alpini il 26 gennaio del 1943, che costò la vita a migliaia uomini.

Il film è diretto da Alessandro Garilli, giovane regista valeggiano d’adozione.

Seconda Guerra Mondiale, fronte russo. La Compagnia 604 del Sergente Bisi (Giusto Cucchiarini) sta affrontando l’inferno della traversata della steppa a temperature vicine ai -40°C. La tempesta di neve incessante impedisce la visuale del paesaggio circostante; Bisi tenta con fatica di controllare i suoi uomini che lo seguono facendosi strada nella neve che arriva loro alle ginocchia.
Ci sono Zaina (Simone Coppo) e Prati (Sebastiano Bronzato), seguiti da Artico (Stefano Zanelli) che si fa aiutare da Ferri (Nicola Adobati) perché non riesce nemmeno più a reggere il suo zaino. Con loro il povero mulo Remagio, che a fatica trasporta una slitta con sopra il Tenente Sala (Ugo Piva).
Tutti gli altri non ce l’hanno fatta. I sei sopravvissuti lottano con tutte le loro forze per arrivare al villaggio di Popowka e fuggire così all’accerchiamento del nemico che sentono sempre più vicino.
Una volta calata la notte, gli Alpini arrivati allo stremo delle forze perdono il contatto con la realtà. Attraversano boschi, vallate, laghi e campi come dentro a un sogno. L’effetto lisergico del freddo e del disorientamento dato dal buio li porta su una seconda via.

Il film è dedicato agli Alpini e alle loro famiglie, e uscirà in occasione dell’ottantesimo della Ritirata di Russia del 1943 e della prima Giornata Nazionale della Memoria e del sacrificio degli Alpini.

Ingresso intero € 6 - ridotto € 5

A cura del Comune di Valeggio sul Mincio e Pro Loco Valeggio.